Raspberry Pi

Il Raspberry Pi è un vero e proprio minicomputer supereconomico adatto, visto il costo esiguo, a chi si vuole avvicinare all’informatica senza aver paura di sbagliare. Si può utilizzare in modalità
desktop grafico come la maggior parte dei computer con la possibilità di installare vari pacchetti che aggiungono ulteriori
funzionalità alla macchina. Uno ad esempio può essere LibreOffice un programma che permette di utilizzare documenti e fogli di calcolo. Si può utilizzare anche per imparare a programmare e anzi è proprio questo il fine di Raspberry Pi. Per chi inizia ad utilizzarlo per questo scopo Scratch è un linguaggio di programmazione grafico adatto per le prime esperienze ma per programmatori più esperti sono disponibili i linguaggi Python, C, Ruby, Java e Perl. Inoltre la sua struttura gli permette di integrarsi in progetti di elettronica e quindi di gestire segnali in input e in output ad esempio per controllare led e interruttori.

Front_of_Raspberry_Pi
Raspberry Pi

Tutti i computer hanno un sistema operativo che permette il loro utilizzo, come i più diffusi Windows, OS X oppure Linux. Anche Raspberry Pi ha il suo sistema operativo ed è una varietà di Linux: Rasbian. Di questa varietà poi ci sono infinite distribuzioni da poter utilizzare. L’estetica del Raspberry Pi per il suo aspetto estremamente essenziale che lo riduce ad essere una scheda elettronica, ricorda molto una scheda di sviluppo come potrebbe essere il minicontroller Arduino. In realtà è un vero e proprio computer con varie porte e funzioni.

Il Raspberry Pi è il dispositivo ideale per il progetto del book scanner perchè è stato possibile realizzare un vero e proprio sistema operativo dedicato che contenesse tutti i pacchetti necessari per il funzionamento dello scanner permettendo di dialogare con le fotocamere attraverso lo speciale firmware CHDK per l’acquisizione delle immagini.

Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 Italia
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 Italia.